Username
Password
ACCEDI REGISTRATI EN IT SV
Recupera password

Viaggiare in Albania

RAGGIUNGERE L'ALBANIA
FORMALITA'

Passaporti

I visitatori stranieri provenienti dai seguenti paesi, entrano in Albania con il passaporto, senza visto sottoponendosi alla regola della tassa entrante (10 euro), che da il diritto di rimanere in Albania per 30 giorni, soggiorno che puo' essere esteso fino a 90 giorni, con un diritto di entrata. Sono esclusi dalla tassa i visitatori provenienti dalla Polonia e Repubblica Ceca.

I cittadini di questi paesi possono accedere alla Repubblica d’Albania senza visto presentando il passaporto:
Andorra, Argentina, Armenia, Azerbaijan, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Israele, Giappone, Cile, Malesia, Serbia, Stati Uniti, Taiwan, Turchia, Ucraina, Nuova Zelanda, Svizzera, Emirati Arabi Uniti, Kuwait.

I cittadini di questi paesi possono accedere alla Repubblica d’Albania senza visto presentando anche solo la carta d’identità:
Australia, Austria, Belgio, Regno Unito, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Olanda, HongKong, Ungheria, Irlanda, Islanda, Italia, Canada, Kazakistan, Kosovo, Croazia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Montenegro, Malta, Macedonia, Monaco, Norvegia, Polonia, Portogallo, Cipro, Repubblica di Corea, Repubblica Ceca, Romania, San Marino, Città del Vaticano, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Nuova Zelanda, Svizzera, Emirati Arabi Uniti e Kuwait.

A causa della liberalizzazione dei visti nello spazio Schengen possono entrare senza visto i cittadini di paesi come:
Barbados, Brunei, Guatemala, Honduras, Costa Rica, Mauritius, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, El Salvador, Seychelles, Saint Kitts e Nevis, Uruguay, Venezuela, Macao e Moldavia.

I cittadini del Terzo Mondo che:
-hanno un valido visto Schengen multi-ingresso, che è stato utilizzato per la prima in uno dei paesi della zona Schengen, o che hanno un permesso di soggiorno valido in uno dei Paesi Schengen;
-hanno un visto multi-ingresso negli Stati Uniti o nel Regno Unito, che viene usata per la prima volta in uno di questi paesi, o che hanno un permesso di soggiorno valido negli Stati Uniti o nel Regno Unito. * Nel caso di permanenza di più di 90 giorni nel corso di un periodo di sei mesi, devono munirsi di un visto di tipo “D”.

IV. Per il periodo del 25 Maggio al 30 Settembre per i cittadini della Russia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman il documento valido per questi cittadini è il passaporto per i viaggi all’estero. Per maggiori informazioni, si prega di consultare il web: www.mfa.gov.al

VIA AEREA
Tutti i voli passano tramite l’Aeroporto Internazionale “Madre Teresa”, che si trova 17 km a nord ovest di Tirana. Il collegamento della città di Tirana con l’aeroporto si effettua tramite un servizio di navetta. Le partenza per l’aeroporto si fanno dalla strada di “Dede Gjo Luli”, dietro al Museo Nazionale, che partono ogni ora, a partire dalle 07:00 fino alle 19:00, il biglietto costa circa 2 euro. Opera il servizio taxi, che costa 20 euro.
L’Aeroporto “Madre Teresa”
All’aeroporto ci sono negozi e “duty free shop”, che offrono un servizio di 24 ore. Tel: 00355 4/2381800/1600 Fax: 00355 4/2379065.
Per i bagagli smarriti durante il volo contattate i numeri: Tel: 00355 4/2381681/82 Mob: 00355 69 20 66626 E-mail: info@tirana-airport.com Web: www.tirana-airport.com.al
I vettori aerei che effettuano voli dall’Albania (Rinas) sono ADRIA AIRWAYS, LUFTHANSA, ALITALIA, AEGEAN AIRLINES, AUSTRIAN AIRLINES, HEMUS AIR, BRITISH AIRWAYS, TURKISH AIRLINES, PEGASUS AIRLINES, AIR SERBIA.

VIA MARE
In Albania si può entrare dall’Italia e Grecia, nonché attraverso i porti di Durazzo, Valona, Shengjin e Saranda.

Porto di Durrazzo
Si collega con i porti italiani di Bari, Ancona, Trieste e Brindisi in Italia
Tel: 00355/052222028
E-mail: portiDurres@mrp.gov.al
web: www.apdurres.com.al
Le autorita’ portuali operano durante le 24 ore.

Porto di Valona
Si collega con il porte italiano di Brindisi
Tel: 00355/033224521
Fax: 00355/033229417
E-mail: portivlore@mrp.gov.al
web www.portivlore.al
Le operazioni portuali si effettuano fino alle ore 22:00.

Porto di Saranda
Offre collegamenti giornalieri per i passeggeri nell’isola greca di Corfu’
Tel: 00355/073222734
E-mail: portsarande@mrp.gov.al
web www.portisarande.com.al
Le operazioni portuali si effettuano fino
alle ore 22:00

VIA TERRA
La Repubblica dell’Albania si collega con tuoi i suoi paesi confinanti anche attraverso i punti di frontiera terrestri.
Le operazionali doganali si effettuano solitamente fino alle 22:00 se non altrimenti specificato.

MONTENEGRO Sono tre i valichi di frontiera: Hani Hotit (Bozhaj nel lato montenegrino), che collega Scutari con Tuzi e Podgorica; il Muriqan (Sukobin nel lato montenegrino), che collega Scutari con Ulqin; o il Vermosh, che collega la regione di Kelmend con la zona di Plava e Gucia.

KOSOVO Sono quattro i valichi di frontiera kosovari: il valico di Qafa Morina (nel lato kosovaro chiamato punto di Vermica) che collega Kukës a Prizren; il Morina, che collega Bajram Curri con Gjakova; il Qafa Prushi, che collega la provincia di Bytyc con Has e Gjakova; il Shishtavec, che collega questa provincia con Brodi e Gergash.

MACEDONIA Sono quattro i valichi di frontiera macedoni: il Qaf Thana (Kafasan, nel lato macedone) che collega Pogradec e le altre parti dell’Albania con Struga; il Tushemisht, che collega Pogradec con San Naum e la parte meridionale del lago di Ohrid; il Bllata, che collega Peshkopia con Bulqiza e Dibra Maggiore; il Gorica (con Stenja, nel lato macedone) che collega le rive del lago di Prespa Maggiore su entrambi i lati del confine.

GRECIA sono quattro i valichi di frontiera: quello di Kakavija tra Gjirokastra e Ianina dove le operazionali doganali si effettuano senza interruzione durante le 24 ore cosi' come a Kapestica (Kristalopigi, nella parte greca) tra Korca con Follorina e Salonic Mentre le operazioni doganali di Tre Ponti che collega Permet con Konica e la frontiera di Qafe Bote, tra Konispol e Filat sono aperte fino alle 22.00 

TRASPORTO INTERURBANO
La principale forma di trasporto interurbano in Albania, si offre con il servizio fornito da bus e minibus privati.

DA TIRANA:

Direzione Sud: Tirana - Berat, Tirana - Valona, Tirana - Gjirokastra e Tirana – Saranda. I bus partono dalla Via “Kavajes”, nei pressi del parco degli autobus.
Direzione Nord: Tirana - Kukës, Tirana – Peshkopi nella via “Dritan Hoxha” a Lapraka. I bus a direzione di Scutari partono nella via “Durresit”, vicino al Palazzo dello Sport. I minibus per Bajram Curri partono dalla via “Murat Toptani”.
Direzione Sud-Est: Tirana-Librazhd nel viale “Zhan d’Ark”, nei pressi della sede del Partito Democratico, Tirana – Pogradec nella via di Elbasan (presso la Facoltà di Economia), Tirana - Korca vicino allo stadio nazionale Qemal Stafa. Minibus per Kruja partono alla fine della strada “Mine Peza”. Dalla città portuale di Durazzo, la partenza degli autobus e minibus per diverse direzioni del paese partono dalla piazza vicino alla stazione ferroviaria.

ACQUA POTABILE
L’acqua potabile è controllato e con cloro in tutti i distretti. Nei negozi, supermercati e mercati si vende acqua potabile in bottiglia.

ORARI DEL SERVIZIO UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE
Lunedì - Giovedì 8:00-16:30
Venerdì 8:00- 14:00
Sabato e domenica giorni di riposo.

BANCHE E SISTEMA MONETARIO 
Lunedì - Venerdì 8:30-15:00 (chiuso il Sabato e Domenica)
La moneta albanese si chiama Lek e si trova in tagli da 5000, 2000, 1000, 500, 200, 100 e in centesimi di 100, 50, 20, 10 e 5 Lek.
Il cambio di valuta estera si pubblica ogni giorno. Le macchine elettroniche per eseguire le diverse azioni si trovano nelle città più importanti dell’Albania.

Le banche, la maggior parte degli alberghi e alcuni ristoranti accettano l’uso della carta di credito, così come degli assegni. Si effettuano di più i pagamenti in contanti. Le carte di credito più popolari sono: American Express, Dinner Club, Visa, Maestro (della Banca ProCredit).

NEGOZI Di solito sono aperti durante l’orario dalle 09:00 alle 20:00 (alcuni dei quali sono chiusi anche la domenica)

COSA SI PUÒ ACQUISTARE?! Durante il vostro soggiorno in Albania potete comprare vari oggetti e souvenir. Tra di loro vi menzioniamo i tappeti gli arazzi (i prodotti di Kukes e Korca sono raccomandati), oggetti di ricamo (motivi Zadrimor), miniature in alabastro dei bunker, pipe, Cognac Albanese Skanderbeg, vari gioielli, articoli in filigrana, borse con motivi nazionali e le figure dell'eroe nazionale Scanderbeg, la santa Madre Teresa di Calcutta di sangue albanese, ecc.

CUCINA E CONSIGLI SOCIALI

CUCINA

La tradizione della cucina albanese, i valori tradizionali e culturali, l’ospitalità del nostro paese, tutto ciò fonda le proprie radici sin nei tempi più antichi essendo uno dei paesi più antichi d’Europa.  Anche il termine stesso "cucina" potrebbe originare dall'albanese: "ku zien", laddove bolle (qualcosa).
Per la sua posizione, non solo la cultura, anche l'arte culinaria hanno impronte sia orientali che occidentali e le condizioni climatiche estremamente favorevoli consentono la coltivazione di ogni tipo di produzione agricola. Da notare è la varietà di verdura e frutta, che costituiscono l’alimentazione quotidiana e vengono consumate cucinate con o senza carne, oppure in conserva. Le verdure preferite sono i pomodori, i peperoni, le melanzane, il gombo, le patate, i cavoli, le cipolle, l’aglio, i fagiolini, i fagioli, i cetrioli, ecc. consumate fritte, cucinate a fuoco lento oppure al forno.
Tra i legumi preferiti e più tradizionali sono i fagioli. Cucinati in contenitori di terracotta hanno un sapore delizioso e possono essere cucinati sia a parte, sia con altre verdure o carne. In alcune regioni si usano anche come ripieno per il byrek (un piatto simile alla pizza rustica). Anche i piselli e i fagiolini verdi possono essere trasformati in deliziosi piatti.Una serie di piatti possono essere preparati con la stessa tecnologia, benché abbiano vari assortimenti.
Così distinguiamo un insieme di piatti che accomunano tutti i popoli dei Balcani: fërgesë (ricotta fritta con carne o verdure), le casseruole, i sottaceti, japrak (foglie d’uva ripiene), la bistecca, le braciole, le polpette, ecc. I turli (misto di verdure), la musaka e le polpette sono piatti adattati dalla cucina orientale. Un aspetto caratteristico di tutti i tipi di cibo nel nostro paese è che essi conservano al massimo le particolarità naturali dei prodotti utilizzati, il loro colore e la fragranza.
Particolarmente saporite sono le olive che vengono preparate in vari modi e si consumano preferibilmente da sole oppure si accompagnano molti altri piatti. Le olive dell’area di Berat si usano per gli antipasti, in quanto sono grosse ed hanno una bassa percentuale di grasso.
Gli uliveti nell’area di Valona, in quella costiera di Himare, Borsh, e nella periferia di Tirana (Prezë, Ndroq) hanno un alto contenuto di grassi e quindi sono utilizzati per la preparazione di olio d’oliva naturale, impiegato particolarmente nella cucina di queste aree, ma anche per fornire tutto il paese.
Un ruolo importante sulla qualità del sapore degli alimenti hanno le spezie. Nella nostra cucina, si distinguono gli insaporitori piccanti, le spezie, il sapore aspro del limone, del pomodoro, dell’aceto oppure dello yogurt.
Il sapore piccante nei piatti tradizionali, da appena percepibile a piccante forte, è ottenuto dall’uso dell’aglio o del peperoncino. Si usano preferibilmente anche gli insaporitori locali aromatici come il prezzemolo, la menta o la menta piperita, l’aneto, le foglie di alloro, il finocchio, il basilico, il sedano, l’origano, il rosmarino, ecc.
Non si usa mischiare i vari insaporitori nello stesso piatto. Per ogni piatto si preferisce una spezia che si adatti al meglio al profumo naturale del prodotto principale. La quantità delle spezie da usare è determinata dalle consuetudini regionali e dai gusti individuali, quindi la loro quantità non è indicata nella ricetta, ma solo uso nel rispettivo piatto.
Molto usato e popolare è il latte, i latticini e le uova che si consumano tutti i giorni. Lo yogurt è un cibo albuminoide insostituibile, di grande valore biologico, saporito e con ottime qualità aromatiche. Oltre ad essere consumato al naturale, lo yogurt è impiegato anche in diversi piatti, nelle preparazioni a base di pasta e dolci. Un altro sottoprodotto del latte è il latticello, che viene consumato con piacere in tutte le stagioni, soprattutto nelle calde giornate estive. Il formaggio è suddiviso in diversi tipi a seconda del tipo di latte da cui prodotto. Il famoso formaggio bianco (la feta), in particolare quello del sud fatto con latte di pecora occupa un posto centrale nella nostra cucina.
Anche la varietà di dolci è ricca. Molto usati sono i dolci al latte, le creme, i succhi di frutta, i dolci sciroppati (baklava, sheqerpare, kadaif) l’ashura, il budino di riso, ecc. Un posto importante occupano anche le torte dolci e salate preparate con pasta fermentata, le sfogliatelle, la pastella fritta, ecc. Altri dolci molto usati sono l’hallva (dolce fatto con farina di grano o di mais) e l’hasude (dolce e base di amido di riso, noci e cannella).

Molto popolare è anche la boza, bevanda a base di mais, prodotta soprattutto nel nord (Kukës), e consumata come bevanda rinfrescante durante l’estate.
Alcuni tipi di frutta, in grande quantità in alcune stagioni dell’anno, sonoconsumati preferibilmente come dessert, freschi o anche come composta, succo o marmellata. I frutti preferiti sono: mele, ciliegie, pesche, pere, cocomeri, fichi melone, uva, limoni, arance, albicocche. La frutta secca come noci, mandorle, nocciole, castagne, è consumata sia da sola o come ingrediente nei dolci.

Il nostro paese ha una tradizione anche nella produzione delle bevande alcoliche. La bevanda alcolica tradizionale è il raki (l’acquavite) ottenuta dall’uva. Molto conosciuta ed apprezzata è il raki prodotto artigianalmente nell’area di Skrapar e Përmet, al sud del paese. In Dibër, Korçë e Pgradec, aree con clima pi freddo, si usa produrre il raki di prugne (shliva).

La tradizione della viticoltura e della produzione del vino ha radici molto antiche. L’arte della lavorazione del vino nel nostro paese è conosciuta sin dall’antichità. Essa è fiorita nella riva sud-occidentale dei Balcani 3-mila anni fa. Gli Illiri avevano una lunga tradizione nella coltivazione della vite e nella produzione del vino. L’antichità della coltivazione dei vigneti e della produzione del vino è testimoniata da alcune scoperte archeologiche fatte a Lin (Pogradec), Tepë (Elbasan) e Zgërdhesh (Krujë), dove sono stati rinvenuti vari contenitori utilizzati per il vino. Il geografo antico Strabone descrivendo l’Illyria, dice: “Questo è un paese caldo e produttivo, perché è pieno di ulivi e vigneti buoni. Gli Illiri esportavano a Roma il vino che conservavano in contenitori di legno”. Lo sviluppo dei vigneti è testimoniato sulle monete di Dyrrah e Apollonia, e sulle anfore utilizzate per il trasporto del vino, che sono state reperite nel cimitero illirico di Çimanak in Kukes, nel castello illirico di Xibri (Mat), e nella città illirica Gajtan (Scutari). Durante l’impero bizantino (secoli VII - VIII), i vigneti hanno cominciato ad essere la principale attività economica e redditizia del paese, grazie all’esportazione del vino. L’aumento della gamma dei vitigni nel nostro paese, ha fatto sì che oggi ci sia una vasta produzione di diversi vini rossi e bianchi. Tra i vini rossi possiamo menzionare: Shesh i zi (Tirana, Durazzo), Kabërnet e Merlot (Berat, Lushnje, Përmet, Valona, ecc), Kallmet (Scutari, Peshkopi), Pinot Nero e Mavrud (Leskovik, Scutari, Lushnje). Tra i vini bianchi possiamo menzionare: Shesh i Bardhë (Tirana ), Riesling ( Durazzo) ecc.
Tra le bevande alcoliche colorate possiamo menzionata il cognac Skëndërbeu che ha vinto anche vari premi in concorsi internazionali.
La posizione geografica del nostro paese è favorevole alla coltivazione non solo di tutti i tipi di frutta e verdura, ma anche alla diversità di allevamento di animali di quasi tutti i tipi, domestici e selvatici, e di una di varietà di uccelli, domestici e selvatici. Questa è la ragione per cui l’Albania offre ai turisti sempre di più qualcosa di specifico, tradizionale, parte della vita quotidiana. 

CONSIGLI SOCIALI

L’Albania è una destinazione sicura e voi potete viaggiare anche in modo individuale. Le lingue straniere sono ampiamente riconosciute negli alberghi, ristoranti e altri servizi. La giovane popolazione si sta perfezionando sempre di più su queste ultime, in particolare nell’italiano e l’inglese. Gli albanesi durante la presentazione hanno l’abitudine di stringere le mani e si sentono soddisfatti se li chiedete della famiglia e della salute. Se avete la possibilità di andare come ospiti in case albanesi, di solito vi offriranno  caffè e acquavite. Allo stesso modo, se avete la possibilità di entrare come ospiti nelle case della zona nord del paese e soprattutto nei villaggi dovete togliervi le scarpe.
Se entrate nella moschea, possibilmente dovete rispettare il codice di abbigliamento più serio, ancor di piu' durante il mese di Ramadan. La vendita di bevande alcoliche negli alberghi, ristoranti e negozi continua normalmente e voi siete liberi di gustare queste bevande, il divieto dell’alcol si rispetta solo dalle persone che digiunano.
Vi consigliamo di cambiare i soldi in punti particolari che hanno la scritta “Exchange”. I tassi di cambio in questi negozi vengono visualizzati e vi esibiranno la fattura per il servizio fornito. Prestate attenzione se viaggiate la notte tardi nelle zone isolate a bassa illuminazione. Non lasciate il vostro veicolo aperto e con oggetti che potrebbero attirare l’attenzione dei malfattori. Se si viaggia in autobus con le linee urbane fate attenzione alle tasche e tenete il meno possibile oggetti preziosi, come in qualsiasi citta' del mondo. Se si viaggia in remote zone montuose si raccomanda di viaggiare con accompagnatori locali che conosce bene il paese.
Fate attenzione nell’uso della moneta albanese. Gli albanesi usano le banconote di nuovo taglio, ma in pratica li contano nella vecchia taglia. In questo modo se si dispone una banconota del valore di 100 lek, gli albanesi la contano come 1.000 lek. Ad esempio: se si acquista in un negozio ambulante una birra “Tirana” o “Korca” il venditore vi potrà dire che costa 1.500 lek, (che in pratica significa 150 lek). Tuttavia, in tutti i ristoranti, caffè e negozi le fatture appariranno con il loro valore reale.

SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE

Le aziende di telefonia che svolgono servizio di telefonia mobile nel territorio dell’Albania sono: T-Mobile, Vodafone, Eagle Mobile e Plus. Queste aziende hanno accordi con la maggior parte dei paesi europei. Nel caso avete a disposizione un telefonino con il roaming può essere utilizzato in Albania ma il costo di utilizzo in roaming in Albania è più alta che in altri paesi dell’Europa (nel caso di roaming), percio' potrebbe essere consigliato di farvi una sim locale con offerte anche giornaliere o settimanali che coprono anche l'internet in 4G.

NUMERI DI EMERGENZA
POLIZIA: 129 o 
+35542226801
AMBULANZA MEDICA: 127 o +35542222235
VIGILI DEL FUOCO: 128 o +35542223333 o +35542351891
POLIZIA STRADALE: 126 o +35542234875
LINEA DI EMERGENZA INTERNAZIONALE: 112
FARMACIE NOTTURNE: +35542222241

(fonte: AKT)